News

COCCONATO – Torna a Cocconato d’Asti la Fiera Medievale con il Palio degli Asini e la sfilata storica in costume medievale. Ecco il programma: SABATO 19 SETTEMBRE, dalle 16, il medioevo con la rivisitazione di un’antica Fiera Medioevale. Botteghe artigiane, giochi medioevali, artisti di strada, cucina d’epoca nelle locande, investitura del Capitano del Palio SABATO 26 SETTEMBRE, nel salone comunale la tradizionale Cena Propiziatoria con l’estrazione dei biglietti vincenti della “Lotteria del Palio 2015″ DOMENICA 27 SETTEMBRE dalle 15, la Sfilata Medioevale percorrerà le vie del centro storico. I borghi ricreeranno ambientazioni e vita medievale; gli sbandieratori, il Capitano del Palio e il Carroccio apriranno il Corteo storico che darà il via al “Palio degli Asini” (alle 17).
Il centro storico di Cocconato si trasformerà, per Cocco…Wine, in una virtuale strada del vino, in cui alternare gli assaggi dei vini ai prodotti tipici del territorio, un percorso che ospiterà le aziende vinicole di Cocconato e del Monferrato. Il programma prevede nella giornata di sabato 5 settembre (inizio ore 18.30), anche un momento di approfondimento interamente riservato alle aziende vinicole di Cocconato, ovvero una degustazione guidata dedicata alla Barbera d’Asti con la presenza diretta dei produttori a raccontare la loro storia e il loro vino. Due “Isole del Vino” completeranno l’offerta della degustazione: il tema in questa edizione sarà “I vini Autoctoni Italiani”. Ecco il programma: SABATO 5 SETTEMBRE: COCCONATO – PIAZZA CAVOUR /VIA ROMA Dalle ore 17 alle ore 24: Apertura Banco d’Assaggio di “Cocco Wine” con protagoniste: • Le aziende di Cocconato e del Monferrato presenti direttamente. • Le Isole del Vino: l’enoteca dei vini autoctoni italiani e l’enoteca dei vini della Regione Puglia. • Stands gastronomici di prodotti tipici a cura dei Borghi del paese di Cocconato. Ore 18.30: “Il Vigneto di Cocconato: Barbera d’Asti e non solo” degustazione guidata presso la Locanda Martelletti Cortile del Collegio: degustazione di uno dei piatti più classici della cucina piemontese “gli agnolotti” organizzata dalla ProLoco di Cocconato. Intrattenimento musicale nel suggestivo Cortile interno del Palazzo Comunale DOMENICA 6 SETTEMBRE: COCCONATO – PIAZZA CAVOUR /VIA ROMA Dalle ore 16 alle ore 20: Apertura Banco d’Assaggio di “Cocco Wine” con protagoniste: • Le aziende di Cocconato e del Monferrato presenti direttamente. • Le Isole del Vino: l’enoteca dei vini autoctoni italiani e l’enoteca dei vini della Regione Puglia. • Stand gastronomici di prodotti tipici a cura dei Borghi del paese di Cocconato
Colline, strade sinuose, piccoli boschi, colture - in particolare quelle vitivinicole, ma anche quella della nocciola, del girasole, del grano - che addomesticano e pettinano le piane e i rilievi. E poi eventi, gesti significativi, persone, particolari espressioni sui volti: tutto questo, a vario titolo, fa “territorio”. Un termine “alla moda”, molto usato, spesso abusato, che può essere riscoperto e reinterpretato nella pienezza del suo significato, ad esempio filtrandolo attraverso l’obiettivo di un fotografo particolarmente capace e sensibile. “Il territorio siamo noi. Immagini fotografiche ad alta densità e suggestioni di queste terre” è il titolo scelto per la mostra che inaugurerà nelle cantine dell’azienda Bava, in via Monferrato 2 a Cocconato, sabato 5 settembre alle 16 in occasione della prima giornata di Cocco…Wine 2015. L’autore delle immagini è Enzo Isaia, fotografo torinese specializzato nella fotografia industriale che si è lasciato sedurre dai paesaggi monferrini. Collaborazioni con grandi agenzie pubblicitarie internazionali, per 40 anni Isaia ha fotografato soprattutto automobili, aerei, navi, treni, attento alla luce, alla precisione dell’inquadratura, alla composizione di masse che fossero perfettamente bilanciate, all’essenzialità del soggetto. Un lungo “allenamento” che ha riversato interamente nelle foto di questa mostra. “Qui - spiega il fotografo -, immersi “nel luogo”, bisogna saper utilizzare tutta la propria esperienza, sensibilità e immaginazione per attendere il momento giusto per scattare: quel momento magico che, a volte, non dura più di due minuti nell’arco dell’intera giornata. È proprio di paesaggio che voglio parlare. Di base sempre a Torino, non molti anni fa mi sono ritrovato a trascorrere i fine settimana a Rocca d’Arazzo, piccolo paese del Monferrato astigiano, splendida landa che, pur essendo a un’ora di macchina dal capoluogo sabaudo, non mi era mai capitato di visitare. In seguito, risiedendovi, è stato impossibile non rendermi conto che lo spettacolo di queste colline è uno dei più belli d’Italia, grazie alla sua collocazione non lontano dalle Alpi, alla mutevolezza e originalità dei suoi colori e profumi, alla varietà pressoché unica delle sue colture che, su piccoli e ordinati appezzamenti di terreno, creano ogni mese sistemi di puzzle sempre diversi” “In cinque anni - prosegue Isaia - compatibilmente con il mio lavoro di fotografo pubblicitario, aspettando le giornate più limpide (le montagne distano in linea d’aria dagli 80 ai 140 km) e consultando in modo “compulsivo” le previsioni del tempo, dopo folli sveglie antelucane e infiniti sopralluoghi mirati a individuare le location idonee a essere ritratte nelle giuste condizioni di luce, ho raccolto circa 200 fotografie. Tra di esse anche le Langhe astigiane e altre immagini senza l’esclusiva vista “mira-monti, e persone che sono anch’esse “territorio”. La mostra potrà essere visitata fino al 28 settembre, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18. Il sabato dalle 9 alle 12 e la domenica dalle 15 alle 18. INGRESSO LIBERO. Meglio se su prenotazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e 0141-907083
Festa di primavera sabato 25 aprile 2015 a Cocconato: torna l'atteso appuntamento con Riviera in fiera, organizzato dal Comune. Ecco gli orari: Ore 9.30 Apertura della Fiera Ore 11.30 Corteo con la Banda Aurora ai Cippi dei caduti Ore 12.30 Apertura Stand Gastronomici con musica in piazza SALONE COMUNALE – CORTILE DEL COLLEGIO Mostra del Palio di Cocconato SALONE COMUNALE – VIA ROSIGNANO Bottega della Danza a cura dell’Associazione Culturale “Magdeline G.” NEL CENTRO STORICO Mostra di dipinti di artisti astigiani CORTILE DI VIA ROMA, 10 Mostra di pittura artisti contemporanei Esposizione, concorso e dimostrazione CAKE DESIGN con la parteciapazione straordinaria dello Chef della trasmissione “La Prova del Cuoco” di RAI 1 MASSIMILIANO MUSSO. Bancarelle di prodotti tipici e artigianali Animazione itinerante a cura del gruppo folk “J’Arliquato” Trenino per visita panoramica al paese Giochi gonfiabili per bambini Mostra e vendita di animali da cortile e domestici, fattoria didattica con giochi per bambini Passeggiate su asini, pony e mini cavallini. MENU’ DELLE 6 PROLOCO PROCOCCO – PROLOCO DI COCCONATO: Tris di salumi con robiola, Cotechino con purea, Enoteca dei produttori di Vino di Cocconato PROLOCO DI ARAMENGO: Scottata, Insalata mista PROLOCO DI CUNICO: Gnocchi alla cunichese, Bruschetta PROLOCO DI MONTIGLIO MONFERRATO: Agnolotti, Fritelle di mele PROLOCO DI PIOVA’ MASSAIA: Tagliatelle al pesto di menta PROLOCO DI TONENGO: Canestrelli, Crepes alla nutella o marmellata, Zabaione con savoiardo Info: http://www.comune.cocconato.at.it email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il 6 e 7 settembre 2014 a Cocconato andrà in scena Cocco...Wine

Cocco...Wine 2014, tradizionale manifestazione monferrina organizzata dall’associazione Go Wine con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Cocconato.
Le bellezze di questo Comune, a nord di Asti, saranno valorizzate in due giorni di festa attraverso degustazioni ed approfondimenti, ospiti e musica che invaderanno il centro storico confermando ancora una volta la vocazione turistica, le qualità viticole e le ambizioni enologiche di quella che viene definita storicamente come la “Riviera del Monferrato”.

 

 

Il cantautore e chitarrista di Liverpool sarà a Cocconato, nel cortire del Collegio alle 21,30 di sabato 6 settembre 2014 in occasione di Cocco...Wine.

Gerry Murphy ha vinto diversi premi della critica tra cui il John Lennon Award. Nella sua carriera la musica è sempre rimasta al primo posto.

Insegna all’Università di Liverpool scrittura musicale, è stato attore e docente di Italiano. Interprete della musica di Bob Dylan.

Negli ultimi anni ha prodotto otto CD tra cui lo splendido Tales of the Crescent City Daze e l’ultimo Note after Note.

 

INGRESSO LIBERO

Come sempre è Carlo Petrini, presidente di Slow Food, ad aprire ufficialmente le danze dell’evento più importante dedicato alla cultura del cibo: «Dieci edizioni del Salone e dieci anni di Terra Madre. Certo, se ripenso al 1996, era proprio un altro mondo!», esordisce presentando il programma del Salone del Gusto e Terra Madre, dal 23 al 27 ottobre 2014 a Torino (Lingotto Fiere e Oval), disponibile su www.slowfood.it.

Da La Nuova Provincia del 13 aprile 2014

Il Touring Club premia Cocconato con la bandiera arancione

La Riviera del Monferrato si conferma l'unico Comune astigiano dei duecento italiani (proprio in questi giorni è stato premiato il 200° borgo d'eccellenza, Letino, nell'Alto Casertano,) a fregiarsi del prestigioso riconoscimento di "Bandiera arancione", assegnato dal Touring Club Italiano ai paesi riconosciuti di elevata qualità turistico-ambientale; il titolo viene conferito alle località con meno di 15.000 abitanti che soddisfano oltre 250 rigorosi criteri di valutazione e che sono oggi in linea con gli standard qualitativi previsti dal modello di analisi territoriale del Touring. Ad attestare la rigorosità dei controlli, su oltre duemila candidature analizzate in tutta la Penisola a partire dal 1999, solo il 9% ha ottenuto il riconoscimento, che ha validità biennale, poi deve essere riconfermato (fatto non scontato, come testimoniano le due bandiere ritirate).

In Piemonte i Comuni bandiera arancione, oltre Cocconato, sono Alagna Valsesia, Avigliana, Barolo, Bene Vagienna, Bergolo, Candelo, Cannero Riviera, Cannobio, Cherasco, Fenestrelle, Grinzane Cavour, La Morra, Macugnaga, Malesco, Mergozzo, Monforte d'Alba, Neive, Orta San Giulio, Santa Maria Maggiore, Usseaux, Varallo e Vogogna. Sono il simbolo di un'Italia meno conosciuta ma dal grande potenziale, Comuni capaci di unire tradizione e innovazione sotto il segno della qualità, che sanno valorizzare le risorse locali, l'artigianato e le produzioni tipiche, la cultura dell'accoglienza, il coinvolgimento della popolazione nel non-profit.

Da quando è bandiera arancione, anche Cocconato ha avuto le positive ricadute, evidenziate a livello nazionale in base ai dati raccolti dal Touring, con un incremento dell'attività ricettiva (soprattutto bed & breakfast e affittacamere, ricavati col sapiente recupero di vecchi cascinali), aumento delle presenze turistiche, non solo in concomitanza delle manifestazioni di settembre (fiera medievale e palio degli asini) ma anche occasionale, valorizzazione dei prodotti enogastronomici, dai vini (Bava è presente anche negli emergenti mercati asiatici), ai salumi (Ferrero partecipa al progetto per la DOP del salame cotto Monferrato), alla robiola famosa già nel Seicento. Ogni anno Cocconato partecipa alla giornata delle Bandiere arancioni, istituita nel 2010, proponendo visite guidate al centro storico e altre attività.

«L'amministrazione comunale –- sottolinea il sindaco Michele Marchisio -– crede fortemente nelle potenzialità turistiche del paese e non sono mancate in questi anni le iniziative per abbellirlo e renderlo sempre più accogliente, parallelamente alla promozione del territorio attraverso vari canali».

Franco Zampicinini

Prende il via proprio a Cocconato il circuito delle Fiere Storiche ''Ritorno alla Fiera'' del 2014 promosse dal Gal Basso Monferrato.

 

Domenica 27 aprile “Riviera in Fiera” animerà il cuore storico di Cocconato con bancarelle di tipicità enogastronomiche e artigianato locale, mostre e concerti: l'occasione migliore per venire a provare in paese le famose robiole, i salumi, la Barbera d'Asti. Profumi e gusti delle tipicità gastronomiche locali accoglieranno tutti i visitatori del suggestivo borgo dell'Astigiano noto come "Riviera del Monferrato".

 

Asti nel Seicento. Artisti e committenti in una città di frontieraInaugurata nelle sale di Palazzo Mazzetti ad Asti la mostra-dossier “Asti nel Seicento. Artisti e committenti in una città di frontiera”, allestita tra il salone d’onore del piano nobile e le sale dell’ala orientale del piano terreno. L’obiettivo è la presentazione di una selezione di 16 dipinti oltre che di una serie di incisioni e tessuti, tutti particolarmente significativi per qualità artistica e rilevanza storica, individuati nel corso della ricerca condotta dal gruppo di studio costituito dai docenti e dagli studenti della Laurea Magistrale in Storia dell’Arte appartenenti al Dipartimento di Studi Storici dell’Università degli Studi di Torino.

Dodici dei sedici dipinti in mostra sono stati restaurati grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Asti sotto la direzione della Soprintendenza per i Beni Artistici, Storici e Etnoantropologici del Piemonte.

 

Il territorio della provincia di Asti nella sua attuale configurazione presenta una complessa stratificazione di poteri politici e amministrativi che vanno ad intrecciarsi con una realtà figurativa non omogenea e, per l’età moderna, e per il Seicento in particolare, ancora da sondare. La lettura di questa complessa geografia artistica e amministrativa costituisce uno dei punti di approfondimento della mostra e del catalogo; partendo dall’attuale cartina della provincia sarà evidenziato l’intreccio delle diocesi e dei poteri politici, per arrivare a focalizzare l’attenzione in maniera più minuta sulla città di Asti, attraverso la veduta seicentesca fornita dal Theatrum Sabaudiae (1682), che ritrae un tessuto urbano costellato di chiese e conventi, profondamente modificato dal passare del tempo.

Un attento apparato didattico permetterà di visualizzare, proprio sulla base della carta di Asti del 1682, l’incredibile ricchezza di edifici religiosi in gran parte oggi non più esistenti a causa di vicende storiche complesse raccontate in mostra e in catalogo.

Nel salone d’onore al piano nobile saranno esposti alcuni dipinti che illustreranno la ricchezza eterogenea della cultura figurativa astigiana nel XVII secolo, tra artisti “locali” e provenienze extraregionali, strettamente connesse a particolari figure di committenti. Si potranno ammirare dipinti completamente sconosciuti agli studi e di grande rilievo per la storia artistica della nostra regione. Prima tra tutte l’imponente pala raffigurante la Madonna del Rosario un tempo collocata nella perduta chiesa dei Domenicani della Maddalena (attualmente in San Paolo), un dipinto cruciale per la storia della penetrazione della cultura artistica fiamminga in Italia settentrionale verso la fine del Cinquecento; si tratta del prototipo dal quale discenderanno per gemmazione numerose derivazioni disperse in molte zone dell’astigiano e dell’alessandrino.

Proveniente da Roma è invece la Beata Vergine d’Oropa con i SS. Elena, ed Eusebio e il ritratto di Giacomo Goria, vescovo di Vercelli ma nativo di Villafranca, opera spettacolare dipinta dal lucchese Pietro Paolini intorno al 1650. I paramenti sacri, le insegne ecclesiastiche e le suppellettili devozionali passati in rassegna da Paolini, nonché gli abiti sontuosi della Sant’Elena, restituiscono idealmente la dotazione di una camera del Tesoro e ci ricordano che quel dipinto, una pala di prepotente naturalismo, va annoverato tra i grandi quadri del Seicento conservati nelle chiese piemontesi. Un episodio di rilievo che anticipa la presenza, sempre ad Asti, di uno dei più bei quadri che raggiunsero la regione nel Settecento, vale a dire la Cena in casa di Simone il Fariseo di Pierre Subleyras (1737), eseguita per i Canonici Lateranensi di Santa Maria Nuova, requisita negli anni napoleonici e approdata al Louvre.

Nella sala dei Lombardi i visitatori, dopo l‘incontro con una pala di Camillo Procaccini raffigurante il Battesimo di Cristo già nel Duomo di Asti,   vedranno per la prima volta la tela con San Secondo a cavallo proveniente da Villanova – uno stupendo inedito per l’iconografia del santo patrono della città, mentre per la sezione dedicata ai pittori genovesi, ritorneranno a Palazzo Mazzetti le spettacolari tele di Giovanni Battista Carlone di Incisa Scapaccino, restaurate con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti nel 2000.

 

 

Pagina 1 di 5

Calendar

« December 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

Recent Posts

  • Cocco...Wine 2014 04-09-2014
    Il 6 e 7 settembre 2014 a Cocconato andrà in scena Cocco...Wine Cocco...Wine 2014, tradizionale manifestazione monferrina organizzata dall’associazione Go Wine con il… More
  • Gerry Murphy in concerto a Cocconato 04-09-2014
    Il cantautore e chitarrista di Liverpool sarà a Cocconato, nel cortire del Collegio alle 21,30 di sabato 6 settembre 2014 in occasione di…

User Login

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie. We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are happy with it. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information